La recensione di:

MAURILIO DI STEFANO

D’ANNUNZIO MONDANO – TEATRO SPAZIO 18/B

Un’ora di gustosissimo teatro che scorre via leggera e spassosa. La Compagnia dei Masnadieri presenta al Teatro Spazio 18b “D’Annunzio Mondano”, opera in atto unico di Maricla Boggio per la regia (e non solo) di Jacopo Bezzi.
Sebbene il testo non faccia mai riferimento diretto al Vate, Massimo Roberto Beato veste in prossimità della ‘zona sosia’ i panni di Gabriele D’Annunzio. Attorno a lui, che è il tratto costante della rappresentazione insieme all’elegante salotto fine-ottocentesco che costituisce la scena, si alternano con abile trasformismo e versatilità gli altri tre attori, Elisa Rocca, Alberto Melone e Sofia Chiappini.
Nelle prime battute lo spettatore è tirato dentro con delicatezza, quasi per mano, da un’atmosfera sospesa e lirica in pieno stile dannunziano. Poi però, grazie a un virare così graduale e fluido che neppure si percepisce, i ritmi si fanno via via più serrati e brillanti, finché dai primi sorrisi si passa al puro godimento e si arriva alla sonora risata di gusto, di fronte a gag comiche in cui entrano in gioco tanto la fisicità degli attori quanto l’ingranaggio irriverente del testo.
In una serie di scene accostate con cura, ci viene presentato un poeta quasi inedito. Nel senso che la sua epoca rivive in scena in abiti leggeri, elegantemente ironici, al contrario del tono sublime e del travolgente afflato poetico che spesso e volentieri siamo abituati ad associare a D’Annunzio come unici attributi possibili.
La decadenza e i difetti della fine del XIX secolo vengono derisi senza crudeltà, anzi con raffinatezza, persino con affetto. La noia a cui portano gli obblighi della vita mondana e la superficialità di una certa aristocrazia vengono raccontate attraverso vedove con il fuoco vivo a scorrere nelle vene, ragazze dai modi insopportabili e splendidi giochi di equivoci dovuti alle bugie raccontate nelle lettere che sono sorprendentemente simili alle tragiche conseguenze degli appuntamenti al buio o rimediati online in questo nostro terzo millennio.
Un testo dunque attuale al di là del periodo storico in cui è inquadrato – cifra distintiva questa anche di altri lavori di Maricla Boggio – insaporito da una performance attoriale veloce, variopinta, variegata, sopra le righe di quel tanto che basta a garantire il divertimento del pubblico in sala.
Grazie agli eleganti costumi e all’intervento essenziale delle poche musiche, si viene trasportati per un’ora in una Roma di fine Ottocento che con i suoi vizi e le sue debolezze non è affatto diversa dal mondo che abbiamo davanti ai nostri occhi ancora oggi.
Un teatro insomma che ci sentiamo davvero di consigliare. Ne vale la pena anche solo per la variopinta sorpresa, attorno a metà dell’atto, di quella matrona dalle forme generose e dai modi esuberanti che gestisce una casa d’appuntamenti.
Ricordiamo che la Compagnia dei Masnadieri è in replica fino al 17 febbraio nell’ambiente accogliente e del tutto particolare dello Spazio18B. Un posto piccolo e curato, nel cuore di uno dei tanti angoli di Roma che hanno fame di rivalutazione, che offre una programmazione di ottimo livello culturale ricca però di spensierato intrattenimento, che non guasta mai.
Per chi non lo conoscesse, è chiaro, questo ‘D’Annunzio Mondano’ è di sicuro l’occasione giusta. Perché, il gioco di parole qui è praticamente inevitabile, si tratta di un’opera che è un vero “piacere”.

Post

6 Febbraio 2019

IL SOGNO DI NIETZSCHE

 

Il sogno di Nietzsche – Teatro Stanze Segrete (Roma)

Scritto da   Sabato, 22 Aprile 2017

Il sogno di Nietzsche - Teatro Stanze Segrete (Roma)

Dal 4 al 30 aprile. In mezzo a un turbine di affermazioni filosofiche e di teorie, ciò che caratterizza la persona Nietzsche è il forte impulso alla vita e talvolta il prevalere dei sentimenti rispetto alla ragione quando si tratta della propria esistenza e non della filosofia. E’ da questa dimensione del personaggio che si sviluppa il testo teatrale, attraverso le vicende che lo vedono agire, amare, soffrire e reagire alla sofferenza, fisica e sentimentale mediante lo sforzo smisurato e vincente della sua genialità intellettuale. Maricla Boggio lo porta in scena al Teatro Stanze Segrete con protagonisti Ennio ColtortiJesus Emiliano Coltorti e Adriana Ortolani.

IL SOGNO DI NIETZSCHE
di Maricla Boggio
con Ennio Coltorti, Jesus Emiliano Coltorti e Adriana Ortolani

 

Nietzsche è senza ombra di dubbio il filosofo dell’era moderna che maggiormente necessita di continui approfondimenti, revisioni, nuove interpretazioni anche per sottrarlo alla retorica nazista che se ne è ingiustamente e infondatamente appropriata. Faceva gola alla destra hegeliana confluita nell’ideologia nazista trovare un fondamento ontologico come la teoria dell’Uebermensch, il Superuomo, con cui il Fuhrer e suoi ideologhi credevano di aver risolto il problema della presunta superiorità della razza ariana. Non sapevano o non si curavano di sapere che invece il filosofo aborriva il “germanesimo” e l’odore di birreria piccolo-borghese (anche se amava berne in quantità) e che aveva preso ad odiare perfino Wagner (dapprima osannato per il suo iniziale spirito rivoluzionario e libertario) proprio per la sua retorica sul pangermanesimo. Oggi anche gli studiosi di destra come Luciano Arcella (v. L’innocenza di Zarathustra, Mimesis edizioni, Roma 2009) tendono con maggiore obiettività a ricomporre il pensiero nicciano nell’alveo di un profondo discorso sulla necessità del recupero (sulla scia del classicismo di Goethe e Schiller) dello spirito originario dell’uomo che deve liberarsi di sovrastrutture metafisiche e ideologiche per essere se stesso: libero e in pace con la natura e col mondo.

Il preambolo era necessario per introdurre il testo di Maricla Boggio Il sogno di Nietzsche che attraverso un importante spaccato della vita privata del filosofo vuole mettere in evidenza, riuscendoci, gli aspetti più umanistici, sinceri, giocosi e sentimentali del teorico dell’eterno ritorno.

Il lavoro prende spunto dagli scambi epistolari fittissimi tra Nietzsche, Lou Salomé (della quale è follemente infatuato) e il giovane Rée, allievo di Nietzsche e aspirante filosofo in proprio. Lou è attratta dalla baldanza del giovane Rée e dalla mente del focoso pensatore; si viene così a creare un triangolo intellettuale amoroso, di cui non si capiscono bene i ruoli precisi, anche se dalle testimonianze epistolari sembrerebbe proprio che Lou voglia usare Rée per frapporlo tra lei e le avances di Friedrich, quando queste si fanno piuttosto impellenti. Il triangolo che definirei eroticamente stimolante o intellettualmente amoroso (fin dove si spinsero i tre amici?) concerne un ampio arco di tempo e abbraccia un periodo che va dalle tre estati trascorse dal filosofo a Sils Maria in Svizzera, il soggiorno a Genova, l’incontro romano e la convivenza burrascosa in Germania a casa della famiglia Nietzsche: un arco temporale insomma che vede alternarsi momenti di convivenza, di rapporti a tre e di allontanamenti repentini e\o burrascosi, incomprensioni, il tutto sempre però riaperto da una tensione erotico-culturale fino al momento della follia finale di Nietzsche a Torino.

Si tratta come si può intuire di un crogiuolo di sentimenti e di una fucina di idee e scambi intellettuali che vanno ben oltre l’aspetto scabroso e scandalistico della promiscuità. Il testo di Maricla Boggio svela al contrario come in questa temperie venga a formarsi il pensiero complessivo di Nietzsche che sarebbe dunque legato – e molto – agli aspetti intimistici, privati e sentimentali della vita del filosofo: che il Superuomo di Nietzsche nasca da un sogno d’amore e da una pulsione erotico-intellettuale piuttosto che dall’esaltazione del mito di un pangermanesimo mirante a creare l’idea dell’uomo forte e dello Stato assoluto è di sicuro una riflessione attualissima e necessaria. Necessaria perché comporta il reintegro del pensiero nicciano nell’ambito dell’umanesimo ed il definitivo oscuramento e ribaltamento dell’indebita appropriazione nazista.

Lo spettacolo, che vede Ennio Coltorti come regista e anche interprete del filosofo, procede su due piani concettuali – corrispondenti visivamente a due distinti livelli scenici – di forte impatto spettacolare. Sul palcoscenico superiore Nietzsche esprime la sua potenza concettuale: visionario, schizofrenico, teso come una corda di violino nell’elaborazione del pensiero puro, il Friedrich di Coltorti resta rinchiuso nello stereotipo che ha origine da quel filone di interpretazioni di “destra” di cui parlavo prima. Quando però discende nell’arena della vita, delle passioni e dei sentimenti ecco che il Superuomo si scioglie come il burro cedendo, ora per amore, ora per attrazione, ora per intrigo intellettuale alle sue debolezze umane più forti e travolgenti di ogni pretesa superiorità.

La Lou Salome’ di Adriana Ortolani è un perfetto miscuglio di malizia e voluttà, di profondità intellettuale e provocazione erotica: un personaggio di travolgente sensualità che il Rée di Emiliano Coltorti riesce a gestire con spigliata naturalezza in forza della sua giusta dose di giovanile strafottenza.
Teatro Stanze Segrete - via della Penitenza 3, Roma (zona Trastevere)

Articolo di: Enrico Bernard
Sul web: www.stanzesegrete.it

NUN SI PARTI!

pubblicato su SALTINARIA

Il testo di Maricla Boggio, racconta per visioni e suggestioni la storia di Maria Occhipinti. Maria si racconta dal carcere in uno spettacolo suggestivo ed emozionante, dove si alternano le figure degli uomini che l’hanno amata, ostacolata, emarginata. Una Ragusa evocata, sentita e raccontata anche attraverso immagini di repertorio e video-mapping. Ancora oggi nella sua città c’è chi crede sia stata ingenua, bizzarra nel suo folle gesto, chi mette addirittura in discussione la sincerità del suo racconto, perché, “ ha disturbato e disturba sempre con le sue scelte di vita, le sue scelte politiche.”

di Enrico Bernard

 

NUN SI PARTI

di Maricla Boggio

con Nicoletta Terra e Massimo Roberto Beato

Regia di Jacopo Bezzi

Continua a leggere

Che Guevara e l’amore di Maricla Boggio – audio RAI GR2

Click sul pulsante play per avviare l’audio


Che Guevara e l’amore di Maricla Boggio – audio RAI GR2